“Luci nella Shoah”

intervista_matteocorradiniPiccoli oggetti: un mestolo, una bambola di pezza, una lettera, una canzone, una palla di stracci, un piccolo orologio, un maglione rosso. Il 19 gennaio esce “Luci nella Shoah” (De Agostini), di Matteo Corradini, celebre ebraista e scrittore: 27 episodi della Memoria raccontati attraverso piccoli, grandi oggetti. Ci sono delle storie che sono difficili da ascoltare. Racconti terribili e, purtroppo, veri. Così sono le storie dei sopravvissuti alla Shoah. Ma oltre al dolore c’è qualcos’altro che accomuna le vittime del genocidio nazista, la speranza.

«Luci nella Shoah – spiega Corradini – raccoglie queste storie, e gli oggetti della speranza che le hanno illuminate. Nel tempo ho provato a raccogliere quei momenti di luce quando il buio sembrava vincere su tutto. Molti ricordano, infatti, di essere sfuggiti all’angoscia aggrappandosi a ricordi, pensieri e oggetti che li tenevano in vita.»

La casa del male

la_casa_del_male-2Un faro di luce, intenso e cristallino, su una zona d’ombra della nostra storia recente: La casa del male (De Agostini), l’ultimo romanzo di Annalisa Strada e Gianluigi Spini, ci riporta indietro nel tempo, a quegli ultimi anni della seconda guerra mondiale dove l’Italia fu teatro di tensioni complesse e feroci tra le diverse forze in azione: i fascisti che, dopo quel 25 luglio del 43 in cui il Gran Consiglio aveva esautorato Mussolini dalle funzioni di capo del governo, lo rivolevano al potere affiancati dai militari nazisti, gli Alleati che risalivano lo Stivale, le forze partigiane distribuite dal nord al sud d’Italia. Tra le pieghe più scure di quel periodo di caos e incertezza c’è anche la storia de La casa del male raccontata in un romanzo dedicato ai giovani lettori con una scrittura pulita e potente nella sua incisiva asciuttezza. Una scrittura che nulla concede al voyerismo del dolore e delle torture ma che ben racconta l’assurdità e la tragicità delle azioni a cui può arrivare l’uomo. Sul Giornale di Brescia l’intervista agli autori

Da grande farò… lo chef come Antonino Cannavacciuolo

schermata-2021-01-19-alle-09-42-31Il celebre Antonino Cannavacciuolo, oltre che essere uno dei cuochi più famosi è anche uno straordinario personaggio televisivo, uno di più amati dal grande pubblico, complice il successo delle trasmissioni televisive che lo hanno visto protagonista, da Cucine da Incubo ad Antonino Chef Academy fino a MasterChef, da poco di nuovo in onda con la decima edizione. Antonino già ad otto anni aveva le idee chiare sul suo futuro: “da grande farò il cuoco” era il suo mantra. Su Style Piccoli Antonino ci racconta come si diventa chef.

Alle terme fin da piccolo

schermata-2021-01-19-alle-09-36-01In questi mesi in cui l’attenzione alla salute è una delle priorità, la cura dell’acqua torna al primo posto. Anche per i bimbi!

Da sempre luogo dove riappropriarsi della cura di sé a 360 gradi, le terme uniscono il benessere con un importante effetto terapeutico. Certo le norme per entrare nei centri benessere e nelle Spa sono cambiate per rispettare le più recenti direttive in termini di sicurezza con accorgimenti che evitano la promiscuità e assicurano il distanziamento sociale e ne fanno un luogo ancora più sicuro dal punto di vista dell’igiene.

SerenaMente

schermata-2021-01-19-alle-09-32-37Sono appena arrivati in libreria i primi due titoli della nuova collana di albi illustrati dedicati ai bambini dai 3 ai 6 anni, nati dall’esperienza di una coppia di professionisti che sono insieme anche nella vita e genitori di tre bambini tra gli 8 e i 2 anni. Proprio con il desiderio di creare per loro dei libri che li aiutassero ad avvicinarsi alla conoscenza di sé e alla crescita personale lo psicologo e psicoterapeuta Luca Mazzucchelli e l’illustratrice Giulia Telli, nota on line come @Mammachelibro, hanno ideato la nuova collana SerenaMente pubblicata da Giunti. Su QuiMamme del Corriere ne parliamo con gli autori.

“Stjepan, detto Jesus, il figlio”

ritaparsi“Stjepan, detto Jesus, il figlio” è il nuovo romanzo di Maria Rita Parsi appena uscito per Salani, un romanzo intenso che affronta un tema scomodo della nostra storia recente. Il romanzo racconta la storia di Stjepan, detto Jesus perché nato a mezzanotte del giorno di Natale, figlio della violenza di un soldato su una giovane donna durante la guerra dei Balcani. Stjepan viene abbandonato dalla madre, che “non sapeva come amarlo e non voleva odiarlo”.  Un romanzo che dà voce alle vite spezzate dalla guerra e al coraggio grazie a cui molte vittime sono sopravvissute. Un romanzo di formazione e riscatto raccontato con uno sguardo delicato e profondo.

Pronti si parte: in Alta Pusteria

schermata-2021-01-19-alle-09-22-38LE TRE CIME, in Alto Adige, sono un parco giochi open air, dove incontrare le renne, ammirare sculture di neve, visitare il villaggio degli gnomi e divertirsi con lo slittino.

Che emozione, per i piccolissimi, trovarsi a tu per tu con una vera renna di Babbo Natale! Alla stazione a monte della Croda Rossa, a Moso, è possibile incontrare l’unico branco presente in Italia. Si possono osservare mentre si muovono libere nel bosco, poi quando si avvicinano – curiose – a ricevere una carezza. I bambini più avventurosi possono anche prenotarsi per offrire loro il pasto principale, a base di muschio islandese e di un mix di cereali. E a Versciaco, una tranquilla frazione di San Candido, c’è il Post Alpina Family Mountain Chalets, un villaggio di montagna pensato

per le famiglie. Tutto questo lo racconto su Io e il mio bambino di dicembre.

Idee per partire

img_20201217_083047_resized_20201217_084446672Voglia di staccare e di prendere una piccola vacanza? Dalla montagna alle terme, alle visite in città, ecco alcune proposte per trascorrere qualche giorno in completa serenità. Su Insieme di novembre e dicembre un dossier dedicato alle vacanze in Italia.

Dalla neve family frienldy ai family hotel. Dai sentieri delle emozioni al brivido delle discese in slittino e bob. E poi la magia delle feste in città, gli alberi da record e le terme per un bagno di benessere dove cura e relax vanno a braccetto.

14 pagine dedicate alle vacanze per tutta la famiglia.

La mia vita dietro un pallone

Sara Gama Portrait SessionA correre dietro ad un pallone aveva iniziato a sette anni, come è finita la storia, anni dopo, lo sappiamo: Sara Gama, è diventata capitana della Nazionale italiana di calcio femminile che ha disputato i Mondiali di Francia 2019 conquistando milioni di tifosi, e della Juventus, tra i primi club ad acquisire un titolo di Serie A femminile. Ora in“La mia vita dietro un pallone” (De Agostini), Sara ripercorre i passi della sua avventura dai Topolini del Triste al Mondiale, racconta ai giovani lettori l’amore per questo sport, le vittorie, le sconfitte e le sfide inclusa quella di riuscire a far uscir dall’angolo il calcio femminile. Qui Sara ci racconta come è nata l’idea del libro e quali sfide restano ancora da affrontare.

Troni di spade (e fiabe)

troni-di-spadeStorie di dame e cavalieri. Di principi e principesse. Storie di ieri e di oggi. I castelli sono scrigni di infinite suggestioni che tornano a vivere con visite guidate, fiabe animate, tour in notturna, laboratori per i bambini che trasformano un weekend in un momento magico da condividere grandi e piccoli insieme. Castelli da esplorare con i bambini, dove ha casa Babbo Natale e dove si può dormire. Su Style Piccoli di novembre e dicembre.